IUF logo; clicking here returns you to the home page.
IUF
Riunisce i lavoratori agroalimentari e del turismo di tutto il mondo


Solidarietà per lo sciopero dei lavoratori della canna da zucchero colombiani!

Inserito nel sito UITA il 26-Nov-2008



photo



Federazione Nazionale dei dipendenti del settore dello zucchero (SINALCORTEROS).

Oltre 18.000 dipendenti dell’industria zuccheriera della canna da zucchero hanno dichiarato lo sciopero, dal 15 settembre, nella regione della valle del fiume Cauca. La UITA domanda la solidarietà internazionale per sostenere la lotta dei nostri affigliati.

Mentre la produzione del bio-etanolo accede al massimo del suo livello, i proprietari della distillazione ottengono il piu’ grande risultato finanziario grazie alle suvvenzioni nazionali ed alla esenzione fiscale, contro la povertà dei braccianti della canna da zucchero che aumenta. I dipendenti del settore sono obbligati a lavorare 14 ore al giorno e oltre, 7 giorni per settimana. Il lavoro é molto penibile, duro, gli incidenti si moltiplicano e le malattie professionali si diffondono, le condizioni di lavoro e la mancanza d’acqua, dovuta ai pesticidi, diventano insopportabili.

I dipendenti della canna da zucchero sono tutti impiegati delle cooperative sotto controllo del governo, che garantisce gli imprenditori di non subire alcuna pressione per l’applicazione delle leggi sul lavoro come la sicurezza alla salute o alla pensione. Inoltre tali cooperative agiscono in zone di porto franco, per la produzione di etanol, quindi non sommesse alle imposte statali e sotto controllo di milizie private.

Il 14 luglio di quest’anno, i sindacati hanno presentato una richesta ufficiale ai proprietari delle insfrastrutture di transformazione e delle piantagioni riuniti nell’associazione ASOCAÑA, chiedendo delle negoziazioni nazionali. Chiedono solo il diritto di discutere su un livello minimo di stipendio, vista l’inflazione esistente in tale paese, la riduzione dell’orario di lavoro, la garanzia della salute durante le ore lavorate ed un contratto di lavoro che non sia tributario delle difficoltà retributive di una cooperativa non garante dell’esistenza dei sindacati ne di un accordo d’impresa.

Tutte le richieste dei dipendenti sono rimaste senza risposta durante due mesi, per questo il sindacato ha dichiarato lo sciopero. La risposta del governo é stato solo di dichiarare l’emergenza inviando la polizia per liberare le infrastrutture di trasformazione da tutte le forme di blocco alla produzione. I dipendenti del settore hanno ricevuto tutta lo solidarità della UITA e dei suoi affigliati regionali, oltre a tutti quelli del settore. Si puo’ sul sito della UITA America latina inviare un messaggio al Governo colombiano ed all’associazione degli imprenditori ASOCAÑA. Messaggio per chiedere al Governo ed alla associazione di aprire delle negoziazioni esaminando le richieste legittime dei lavoratori del settore, presentante il 14 luglio scorso.