IUF logo; clicking here returns you to the home page.
IUF
Riunisce i lavoratori agroalimentari e del turismo di tutto il mondo


I lavoratori colombiani dello zucchero terminano lo sciopero di 56 giorni, dopo aver ottenuto una risposta alle loro rivendicazioni piu’ importanti

Inserito nel sito UITA il 11-Dec-2008



photo



Il 10 novembre scorso il sindacato decreta la fine dello sciopero, durato 56 giorni e seguito dai 18.000 addeti del settore della canna da zucchero, perché le imprese rappresentanti il 75% dei lavoratori hanno risposto favorevolmente alle rivendicazioni. SINALCORTEROS, il sidacato del settore che ha condotto la piu’ lunga, intelligente e con il piu’ alto livello di partecipazione alla lotta sindacale, recentemente in Colombia, pensa che il resto delle società non ancora signatarie continueranno le trattative e visto i risultati già ottenuti spera che un accordo sia raggiunto in breve tempo.

Le rivendicazioni ottenute sono state: un aumento degli stipendi del 15%, una giornata di lavoro di 8 ore piu’ 2 pagate come straordinarie (contro le 12/14 ore giornaliere precdenti), la contribuzione patronale all’assicurazione malattia ed infine l’obbligazione, per le imprese di assicurare l’alloggio, delle scuole e la sicurezza sociale per i dipendenti e le loro famiglie. Dei controlli piu’ severi sono stati adottati per la pesata della raccolta, occasione durante laquale I dipendenti erano, prima, spesso truffati.

Prima di adesso il sindacato non poteva impedire il sistema delle Cooperative false, che permettevano ai condizionatori della materia prima, la canna vegetale, di sostrarsi alle obbligazioni di applicare un contratto nazionale, di assicurare la salute ne di partecipare alle contribuzione ai fini della pensione. Il sindacato é convinto che i risultati ottenuti sono stati possibili solo attraverso la lotta e la moltiplicazione per 3 degli aderenti e che tutto cio’ rappresenta una speranza per il futuro.

SINALCORTEROS tiene a sottolineare che la contribuzione Internazionale, al movimento, é stata decisiva per ottenere i risultati riscontrati. La UITA, il segretariato dell’America latina, che hanno dimostrato un solidarietà sia politica che finanziaria durante lo sciopero, hanno saputo creare una pressione sia sul Governo colombiano che sull’associazione patronale e quindi ottenere che le rivendicazioni siano ricosciute.