IUF logo; clicking here returns you to the home page.
IUF
Riunisce i lavoratori agroalimentari e del turismo di tutto il mondo


L’ultima fabbrica della JBS/Swift, negli Stati Uniti, senza ancora una rappresentazione sindacale ha scelto il sindacato UFCW

Inserito nel sito UITA il 12-Dec-2008



photo



Citta di Hyrum , festeggiamenti dei dipendenti della fabbrica JBS/Swift per la loro adesione alla sezione locale 711 della UFCW

Oltre 1.100 dipendenti hanno ottenuto la rappresentanza sindacale, all’interno della fabbrica per il condizionamento della carne JBS/Swift, di Hyrum (Stati Uniti) attraverso il sindacato UFCW (sindacato del settore alimentare e del commercio) affigliato alla UITA. E stato un voto massivo e il risultato di una campagna elettorale ben determinata.

La fabbrica di Hyrum é stata aperta 70 anni fa e da 2 anni, dopo l’acquisto del gruppo JBS della società Swift, per il condizionamento della carne, era ancora l’ultimo sito di produzione degli Stati Uniti senza alcuna rappresentanza sindacale.

Isaias Lopez, un dipedente della ditta da piu’ di 22 anni disse. “Dobbiamo agire tutti insieme per poter garantire un futuro migliore alle nostre famiglie” ed stato il primo passo per ottenere il sindacato. Adalberto Soto, un altro addetto della fabbrica, dice ora: “ Adesso possiamo iniziare delle trattative per aver un contratto d’impresa e ottenere delle opportunità per il nostro lavoro” aggiugendo che “la nostra vittoria significa che saremo ascoltati, poiché al tavolo delle trattative con la Direzione non siamo piu’ soli ma accanto a noi ci saranno i 10.000 aderenti al sindacato del gruppo JBS/Swift degli Stati Uniti e tutti i dipendenti del settore produzione e condizionamento”. “Piu’ numerosi sono i sindacalisti nel nostro settore - piu’ aumentiamo la possibilità di garantire una vita migliore alle nostre famiglie”

Nel 2008, dopo aver comperato le società Swift & Co, National Beef e Smithfield Foods’ settore carne, negli Stati Uniti e della Australia’s Tasman Group, JBS é diventato il primo gruppo mondiale della produzione e condizionamento della carne. Tale holding é proprietaria di 120 fabbriche nel mondo intero, oltre ad avere delle attività in Argentina, Brasile, Australia, Stati Uniti, Italia, Angola e Russia, e una cooperazione con il gruppo italiano Cremonini.